Verbale della riunione del 17 settembre 2018

Coordinamento delle riviste italiane di sociologia (CRIS)

Riunione del 17 settembre 2018

Firenze, Aula Strozzi, Via La Pira, 4

Sono presenti:

Ambrogio Santambrogio – Quaderni di teoria sociale

Andrea Bellini – Cambio. Rivista sulle trasformazioni sociali

Angela Perulli – Cambio. Rivista sulle trasformazioni sociali

Antonio Fasanella – Sociologia e ricerca sociale

Antonio Maturo – Salute e società

Augusto Cocorullo – Sociologia del lavoro

Barbara Saracino – Sociologia italiana. AIS Journal of sociology

Carlo Bordoni – Prometeo

Carlo Sorrentino – Problemi dell’informazione

Ciro Pizzo – Minority reports

Emanuela Abbatecola – About Gender

Emiliana Mangone – Journal of mediterranean knowledge e Culture e studi del sociale

Enrica Morlicchio – Sociologia del lavoro

Enzo Pace – Annual review of the sociology of religion e Religioni e società

Gianmarco Navarini – Etnografia e ricerca qualitativa

Giovanni Boccia Artieri – Mediascapes e Sociologia della comunicazione

Giuseppe Giordan – Annual review of the sociology of religion

Ilaria Iannuzzi – Rivista trimestrale di Scienza dell’Amministrazione

Laura Scudieri – About Gender

Lorenzo Bruni – Quaderni di teoria sociale

Luca Corchia – The Lab’s quarterly

Luisa Stagi – About Gender

Marco Caselli – Studi di sociologia

Mariella Popolla – About Gender

Marita Rampazi – Sociologia italiana. AIS Journal of sociology

Maurizio Ambrosini – Mondi migranti

Maurizio Bergamaschi – Sociologia urbana e rurale

Paola Borgna – Quaderni di sociologia

Paolo Zurla – Autonomie locali e servizi sociali

Raffaella Sette – Rivista di crimonologia, Vittimologia e sicurezza

Riccardo Prandini – Sociologia e poltiche sociali

Simona Scotti – Religioni e società

Vittorio Mete – Meridiana

Alle ore 14:45, Santambrogio e Borgna aprono i lavori e illustrano l’ordine del giorno:

Ordine del giorno

  1. Approvazione del verbale della seduta precedente ̶  Comunicazioni
  2. Statuto del CRIS: verifica delle riviste aderenti
  3. Risultato della valutazione ANVUR
  4. Documento del coordinamento delle riviste di filosofia: discussione
  5. Proposte per il nuovo regolamento ANVUR
  6. Organizzazione del convegno per il 2019
  7. Annuario CRIS del 2018
  8. Definizione del prossimo appuntamento
  9. Varie e eventuali

Punto1 – Approvazione del verbale della seduta precedente  ̶  Comunicazioni

Il verbale della seduta precedente viene approvato a seguito del recepimento di tutte le modifiche proposte. Non vi sono ulteriori comunicazioni.

Punto 2 – Statuto del CRIS: verifica delle riviste aderenti

Lo statuto del CRIS viene approvato (allegato 1).

Punto 4 – Documento del coordinamento delle riviste di filosofia: discussione

Santambrogio illustra brevemente il contenuto del documento del Coordinamento delle Riviste di Filosofia (da qui in poi CRF). Santambrogio comunica che: il CRF non si è ancora formalmente costituito; il CRF si costituirà formalmente il 1 ottobre 2018, a Roma; il Coordinatore del CRF è venuto a conoscenza dell’esistenza del CRIS attraverso il sito del CRIS ed ha espresso la volontà di stabilire un rapporto proficuo tra i due Coordinamenti; il CRF avanza in maniera esplicita l’istanza del superamento della distinzione tra riviste di fascia A e riviste scientifiche; il Coordinatore del CRF ha invitato il CRIS a partecipare all’incontro di costituzione del CRF del 1 ottobre 2018.

Pitch e Fasanella si propongono di partecipare all’incontro del CRF del 1 ottobre 2018 in rappresentanza del CRIS.

Tutti i presenti sono favorevoli a favorire occasioni di sviluppo di proficue relazioni tra i Coordinamenti delle diverse aree scientifiche.

La discussione del Punto 3 – Risultato della valutazione ANVUR e del punto 5 – Proposte per il nuovo regolamento ANVUR avviene contestualmente.

Dopo le testimonianze di alcune riviste presenti circa le valutazioni ANVUR ricevute nello scorso emse di agosto, viene ribadito da tutti i presenti l’inadeguatezza della VQR ai fini della valutazione delle riviste. In particolare, viene enfatizzata la mancanza di trasparenza e l’opacità delle procedure di valutazione delle riviste.

A seguito di ampia ed approfondita discussione, i presenti (tutti favorevoli tranne 1 astenuto) decidono di approvare una proposta da sottoporre ad ANVUR per la valutazione delle riviste.

La proposta prevede di recepire tutti i criteri di referaggio già presenti nel nostro documento approvato sui criteri di referaggio. La proposta prevede di integrare i criteri di referaggio già presenti nel documento approvato sui criteri di referaggio con alcuni criteri proposti da Ambrosini. I criteri proposti da Ambrosini sono i seguenti: il direttore della rivista deve essere (o essere stato) un accademico di ambito sociologico; la rivista deve documentare una uscita regolare (questo criterio è già presente nel documento approvato sui criteri di referaggio); la rivista deve dimostrare di riunire il Comitato di redazione almeno una volta ogni anno; la rivista deve presentare all’interno del comitato scientifico una certa percentuale di colleghi collocati all’estero (30%?). La proposta prevede poi che la rivista invii ad ANVUR, ai fini della valutazione (sia che si tratti di richiesta di ingresso in fascia A che di conferma), numero cinque saggi, a totale discrezione della rivista stessa. Nel caso in cui ANVUR lo richiedesse, i cinque saggi devono essere accompagnati dai relativi referaggi, resi però anonimi. La proposta deve poi includere, come proposto da Borgna, un esplicito impegno da parte delle riviste che ancora non vi siano approdate di passare progressivamente a piattaforme on-line per la gestione del processo di referaggio.

Santambrogio si impegna a inviare entro dieci giorni la stesura del testo completo della proposta.

 

 

Punto 6 – organizzazione del convegno per il 2019

Santambrogio propone di organizzare un seminario e non un convegno. La proposta avanzata da Santambrogio prevede che il seminario si sviluppi intorno a tre principali aree tematiche, indicativamente identificabili nei seguenti macro-temi: cosa significa fare sociologia oggi; qual è il ruolo del sociologo oggi; comunicare la sociologia (formazione, produzione, comunicazione). Temi che devono essere affrontati prioritariamente dal punto di vista delle riviste. Santambrogio propone poi di nominare un Comitato scientifico e organizzatore, incaricato di: definire e articolare in maniera più dettagliata i tre macro-temi in modo tale da ordinare i contenuti del seminario in sessioni e in forme coerenti; identificare tra i sei e i nove (due o tre per ciascuna sessione) relatori da invitare al seminario. Un numero non troppo elevato di relatori, prosegue Santambrogio, potrebbe consentire di lasciare ampio spazio alla discussione.

Santambrogio propone poi di pubblicare, in un primo momento, tutto il materiale del seminario (testi delle relazioni, contributi al dibattito, etc.) nel sito CRIS, per poi valutare un’eventuale ipotesi di pubblicare i materiali in riviste disponibili alla pubblicazione.

Si decide che il Comitato scientifico e organizzatore del seminario è così composto:

Vittorio Mete, Angela Perulli, Paola Borgna, Giovannibattista Sgritta, Carlo Sorrentino, Lorenzo Bruni, Barbara Saracino.

Punto 7 Annuario CRIS del 2018

Santambrogio comunica che il sito del CRIS è attivo e che l’annuario sarà composto a partire dall’arrivo di tutte le schede. Santambrogio chiede espressamente che chi ancora non avesse inviato la scheda relativa alla propria rivista, lo faccia entro il 30 settembre 2018. Santambrogio comunica che, una volta raccolta le schede pervenute, l’annuario sarà pronto entro il mese di ottobre 2018.

Punto 8 – Definizione del prossimo appuntamento

La prossima riunione del CRIS è fissata per il giorno 22 marzo 2019, ore 14.30.

Punto 9 Varie e eventuali

I presenti sono favorevoli a far pubblicare un’eventuale intervista ai due Coordinatori del CRIS sul sito di ROARS.

I presenti sono favorevoli alla proposta di Borgna di invitare, in occasione di una delle prossime riunioni del CRIS, un esperto nei processi di trasformazione dell’editoria legata alle riviste accademiche e in particolare alle questioni connesse all’open access che collabora con i Quaderni di sociologia. 

La seduta è tolta alle ore 17.30.