Im@go

Descrizione dell’attività svolta nell’annata 2018-2019 (punti di forza)

Indice dei numeri pubblicati nell’annata 2017

  • “Images of Humankind” – n. 12, December 2018 (a cura di Valentina Grassi & Pier Luca Marzo).

Indice:

  • Isabella Corvino, Fabio D’Andrea, Essere umani nel XXI secolo
  • Agathe François, The figuration of post-human bodies: a processual experiment with imaginaries
  • Antonio Camorrino, La notte dell’umanesimo. L’immagine dell’uomo nella società contemporanea
  • Emanuela Susca, Una struggente nostalgia dell’intero. La tentazione dell’androgino come ricomposizione dell’umano
  • Adolfo Fattori, Zodiaco (o bestiario?) del Terzo millennio. Crepuscolo del moderno – aurora del neoterico
  • Chris Campanioni, Fixing Being with Likeness: Facial Recognition as the Stage for Global Per-Formance
  • Marianne Celka, Glory to new mankind: transferts du sujet de l’humanisme
  • Mariavita Cambria, Glossari per i riflessi di Black Mirror
  • Vincenzo Del Gaudio, Davvero può esistere un nuovo spirito scientifico?
  • Mario Tirino, Il visibile e l’immaginabile: cultura visuale, media e immaginario
  • “The Matter of the Imaginary”, (in collaborazione con “Sociétés”) – n. 13, July 2019 (a cura di Fabio La Rocca & Antonio Tramontana).

Indice:

  • Fabio La Rocca, Antonio Tramontana, L’immaginario e gli oggetti. Per una sociologia della superficie
  • Davide Ruggieri, La chiave e il martello: vita e tragedia degli oggetti culturali nella teoria sociologica di Georg Simmel
  • Hélène Houdayer, L’eau embouteillée. De l’enchantement à la tombe
  • Nicola Martellozzo, L’immaginario in lattina: il ruolo del packaging nell’esperienza di consumo di un birrificio artigianale
  • Lorenzo Fattori, Il treno, oggetto e soggetto della modernità
  • Daniela Pomarico, Il vinile o la nostalgia dei Millennials
  • Emilio Gardini, Coscienza e alienazione. La “politica del capitalismo” sulla soglia del sé
  • Margherita Geniale, La maschera del potere in Eyes Wide Shut. Le metamorfosi del desiderio da Schnitzler a Kubrick.
  • Adolfo Fattori, Produzione di senso a mezzo di oggetti. Cristallizzazioni dell’umano
  • Andrea Binelli, Immagini, immaginazione e immaginario. Richard Kearney e la veglia poco funebre del postmodernismo
  • Dariush Rahiminia, La “Terra del Fuoco”. Multiculturalismo e identità interculturali nell’Azerbaijan di Un tassista a Baku

Segnalazione dei punti di forza dell’annata 2018-19

  • Progressiva estensione in campo internazionale dei lettori della rivista (rilevati grazie ai plug-in di cui dispone il sistema Open Journal System) provenienti soprattutto dai paesi dell’Asia (Cina e India in particolare) e dagli Stati Uniti;

  • Un maggiore coinvolgimento dell’AIS anche grazie alla sezione AIS-Immaginario che ha trovato nella rivista un punto di riferimento scientifico;

  • Crescente apertura a contributi di provenienti da accademici stranieri e questo a riprova dell’interesse che oramai suscita il tema dell’immaginario sociale;

  • Continua la formula della collaborazione con altre riviste, percorso inaugurato con il n. 10. La pubblicazione congiunta del numero 13 ha visto coinvolta anche la rivista scientifica internazionale “Sociétés”, da cui è uscito un doppio numero dedicato al rapporto tra l’immaginario e gli oggetti: quello di im@go (n. 13) e quello di Sociétés (n. 144).

  • im@go è stata partner del convegno tenuto a Roma il 21-22 febbraio 2019 presso l’Università “La Sapienza” dal titolo “Screen Culture” e lo sarà per quello di metà mandato della sezione AIS-Immaginario che si terrà a Roma il 20-21 Novembre 2019.

  • Nel corso dell’ultimo anno ha ampliato il proprio comitato scientifico.

Progetti in cantiere

  • The Political Imaginary – numero 14 (Dicembre 2019) a cura di Milena Meo, Mariavita Cambria e Neil Turnbull;

  • L’immaginario della natura – numero 15 (Luglio 2020) a cura di Antonio Camorrino e Pier Luca Marzo.